Cavolo broccolo

Da Ottobre a Marzo

Il broccolo (Brassica oleracea var. italica), chiamato anche cavolo broccolo, è una varietà di Brassica oleracea, la grande famiglia di piante conosciute comunemente come cavoli e che comprende numerose varietà. I cavoli broccoli si presentano  come piante espanse e contenute in altezza, ricche di germogli vegetativi, con numerose foglie ampie e costolute. L’infiorescenza è compatta, globosa o a pigna, biancastra, a volte verdastra, violacea e rossastra nel broccolo, e forma una testa generalmente bianca nel cavolfiore. Il cavolo broccolo presenta numerose ramificazioni fiorali e si presume che il nome broccolo (germoglio) derivi proprio dalla capacità di emettere germogli. La porzione commestibile e commerciale è la parte centrale (testa) costituita da numerosi peduncoli, ipertrofizzati e teneri per l’assenza di tessuti legnosi. La maggior parte delle brassicacee è a semina estiva e la maturazione commerciale ricade nel periodo invernale. La resistenza al freddo è favorita dalla capacità della pianta di rimanere verde e nel contempo di resistere a temperature fino a -8°C. I broccoli sono parenti stretti del cavolfiore, pianta che è stata selezionata per le infiorescenze bianche, ma il broccolo mantiene il colore verde nei fiori e un sapore marcato. Si tratta di una verdura molto buona, ricca di proprietà benefiche: è un antitumorale, ricco di vitamine e carotenoidi. Si impiega in cucina anche per condire la pasta e non deve mancare in un bell’orto famigliare.

Conservazione

I cavoli broccoli si conservano in luoghi freschi ed in frigo a basse temperature.

Curiosità

Wolfang Goethe e la venditrice di broccoli

23 settembre 1786. Un curioso personaggio si aggira tra le piazze di Vicenza. Veste abiti di foggia foresta e porta con sé un taccuino su cui annota ogni particolare del viaggio. Lo colpiscono le bellezze del posto, e non solo quelle architettoniche: «A Vicenza trovo delle creature leggiadre in tutto e per tutto; parecchie, specialmente quelle coi capelli neri e ricciuti, m’ispirano una simpatia particolare. Ve n’ha anche di bionde, ma queste non sono tanto di mio gusto». Così scrivendo traccia sul foglio anche uno schizzo. Vi si vede un profilo femminile con un bastone sulle spalle (in vicentino bigòlo) da cui pendono due ceste colme di ortaggi freschi. Con molta probabilità colei che Johann Wolfgang Goethe aveva ritratto era una venditrice di broccoli, che dopo aver visitato quel mercato in centro a Vicenza, lo affascinò. Non ci sono prove naturalmente, che quelle ceste di ortaggi immortalate da Goethe in piazza delle Erbe contenessero il "broccolo fiolaro", ma è comunque possibile. Già nell’Ottocento la produzione dell'ortaggio di Creazzo era di 150 mila cespi all’anno, conosciuto e rinomato in tutta la provincia berica. Questo ortaggio si chiama "broccolo fiolaro" perché la presenza di germogli inseriti lungo il fusto della pianta, conosciuti in termine dialettale come "fioi", finiscono in padella, insieme alle foglie più giovani, come una vera prelibatezza.

Se anche tu conosci una ricetta particolare o una curiosità su questo prodotto, puoi inviarla a noi! Il tuo materiale verrà valutato e potresti vederlo pubblicato sul nostro sito. Per inviare il tuo materiale: redazione@ortofruttabernardi.it

Sagre

Sagra del broccolo filaro di Creazzo (VI)

La sagra del Broccolo Fiolaro a Creazzo si tiene a gennaio: qui si possono degustare piatti a base di "broccolo fiolaro" dagli antipasti ai primi fino ai secondi e ai dolci.

Festa del Broccolo a Torbole

Durante il mese di gennaio il Comitato “Broccolo di Torbole” organizza presso il Parco Pavese, una festa a questo prodotto tipico territoriale. Sarà infatti possibile partecipare ad una degustazione di ricette preparate a base dei famosi broccoli di Torbole, che sono entrati tra i presidi slow food in Italia. Questo ortaggio, grazie al microclima del borgo sulle sponde del Lago di Garda, può essere consumato anche crudo avendo un sapore ed un gusto delicato e più gentile rispetto ai comuni broccoli.

Sagra del Brocolo di Novaglie (VR)

Ottimi piatti e buona musica. Questa è la storica "Sagra del Brocolo" che si svolge da oltre 80 anni a Novaglie, Verona, nel mese di aprile. Il menù della "Sagra del Brocolo" è molto ricco e va dal risotto con i broccoli, al luccio con polenta e broccoli, passando dai bigoli con la sardella e con il pomodoro, al baccalà con la polenta, fino alle orecchiette con i broccoli.

 

Riepilogo nutrizionale per 100g di prodotto

Calorie
39kcal
Grassi
0,3g
Carboidrati
2g
Proteine
3,4g

Fonte: nut.entecra.it

I nostri consigli

Come eliminare il cattivo odore dei broccoli

I broccoli sono alimenti ricchi di qualità per la nostra salute, tra le quali: l’effetto antinfiammatorio naturale; la

Leggi
I broccoli, un toccasana per i polmoni

Alcune testimonianze riferiscono che sia i cavoli che i broccoli erano ben noti fin dai tempi antichi; il

Leggi