Porri

Tutto l'anno

Il porro (Allium porrum) è una pianta orticola della famiglia delle lilliacee, molto interessante da coltivare per via dei suoi numerosi utilizzi in cucina e perché si raccoglie quasi tutto l’anno ed è quindi perfetto come ortaggio invernale, resiste bene al gelo in un periodo in cui l’orto resta spesso vuoto.
Allium porro è un ortaggio tipico dei mesi freddi, da ottobre a febbraio, anche se oggi è disponibile per un periodo più ampio. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae, come aglio, scalogno e cipolla, è originario della Persia e la sua coltivazione è molto antica. È poco diffuso nei piccoli orti familiari e il consumo del fusto cilindrico, limitato sino a una decina di anni or sono, oggi è in continua crescita. Le ragioni sono semplici: meno aggressivo come sapore dell’aglio e della cipolla, più nostrano dello scalogno, dall’odore meno persistente e marcato, aromatico ma dolce. Oggi è diventato un ingrediente essenziale della cucina moderna e ne basta poco per dare carattere a un piatto.

Conservazione

Ci sono diversi metodi per conservare i porri. Potete togliere la parte più dura delle foglie, e dopo averli puliti e asciugati e lasciati interi, riponeteli in frigorifero, ma non durano a lungo. Se li tagliate allora vanno consumati subito. Il porro che viene raccolto in autunno può essere facilmente conservato, durante il periodo invernale, tenendolo al riparo dal freddo in un ambiente buio e chiuso, o legato a mazzi e coperto con uno strato di sabbia fresca sotto serra. Non bisogna togliere nessuno strato di foglie, deve rimanere così com'è!
Chi non dispone di spazi verdi all’aperto, può conservare i porri in un contenitore chiuso (anche un sacco nero), in modo da evitare che il prodotto venga esposto alla luce o al calore, anche sul balcone di casa.

image

Curiosità

I porri sono noti anche per le virtù di pulizia dell'intestino. La parte bianca del fusto del porro contiene fibre molto delicate che possono essere consumate da tutti, mentre la parte verde contiene fibre più dure. Esse costituiscono un'ottima zavorra che favorisce il transito intestinale in modo delicato e non aggressivo e quindi adatta anche agli organismi più sensibili. Si utilizza anche sotto forma di decotto: 30 g. di radici di porro, lavate e pestate nel latte, rappresentano un buon vermifugo. L'imperatore romano Nerone fu soprannominato "il porrofago" perché era ghiotto di porri che utilizzava in gran quantità per schiarirsi la voce.

Se anche tu conosci una ricetta particolare o una curiosità su questo prodotto, puoi inviarla a noi! Il tuo materiale verrà valutato e potresti vederlo pubblicato sul nostro sito. Per inviare il tuo materiale: redazione@ortofruttabernardi.it

Sagre

Fiera del Porro Cervere (CN)

A partire da ottobre è possibile prenotare il proprio posto in sala all’interno del Palaporro, cuore della Fiera del Porro Cervere. Nello specifico saranno aperte le prenotazioni per gli appuntamenti gastronomici a menu fisso della Fiera del Porro Cervere, e come ogni anno saranno disponibili tante serate con menu alla carta, con ingresso libero presso il Palaporro di Cervere.

Fiera Napoleonica dei porri a Narzole (CN)
Degustazione e ricchi menu a base di porri di stagione. La manifestazione si tiene nel mese di ottobre.

Riepilogo nutrizionale per 100g di prodotto

Calorie
61kcal
Grassi
0,1g
Carboidrati
5,2g
Proteine
2,1g

Fonte: nut.entecra.it

I nostri consigli

Il centrifugato di porri e cetrioli è ottimo per la tua dieta

Alla base di questo drink ci sono le proprietà del porro e del cetriolo. Per prima cosa infatti,

Leggi
Proprietà e benefici dei porri

Il porro ha proprietà diuretiche, lassative ed è un alimento disintossicante e idratante. Ottimo antiossidante naturale, grazie alla

Leggi